I colori amici dalla A alla V

0
1443

Il mondo che ci circonda è un mondo a colori. Tutto ciò che vediamo, che attrae la nostra attenzione è un perfetto equilibrio di forma e colori. Lo è la natura, con i suoi paesaggi e le sue atmosfere, lo sono le vetrine dei negozi, piene di oggetti che ci affascinano e che ci inducono all’acquisto, lo sono le opere d’arte, che attraverso colori e linee tentano di rappresentare un’idea, ma, soprattutto, lo siamo noi stessi.

 

I nostri visi hanno tracce di colore, abbiamo capelli, sopracciglia, occhi, pelle diversi gli uni dagli altri, e ognuno di noi ha delle peculiarità che lo rendono unico. Se il colore comunica emozioni, stati d’animo, sensazioni differenti in tutti gli ambiti della nostra vita (basti pensare all’utilizzo che di esso viene fatto nel marketing aziendale e in pubblicità) esso parla anche agli altri, racconta qualcosa di noi.

Un colore sbagliato, a volte, può comunicare a chi ci vede un qualcosa di negativo che non è invece quello che vorremmo far dire alla nostra immagine.

Quando ci vestiamo, quando ci avviciniamo alla scelta di uno o più colori, spesso siamo guidati dall’intuito, dal nostro gusto personale, ma anche dal nostro stato d’animo di quel determinato momento.

Quello che molti non sanno è che, per ognuno di noi, esiste tutta una gamma di colori, di specifche nuance, individuabili scientifcamente, che si sposano perfettamente con il nostro viso e i suoi colori naturali.

Il Consulente di Immagine ha appunto questo ruolo, ovvero quello di far scoprire quali sono queste nuance, attraverso un test che viene effettuato individualmente, in circa un’ora e mezzo di tempo.

Nelle nostre “pillole di stile” parleremo dei colori dell’arcobaleno… dalla “A” di arancio, alla “V” di viola.

Vedremo come ogni colore abbia molte sfaccettature e come e quali sfaccettature siano giuste o meno per ciascuno. Partiamo dall’inizio. E come ogni inizio che si rispetti, partiamo dalla A.

L’arancio è un colore vivace, espansivo, ottimista, ma anche magnetico, perché ricorda i rifessi del sole al tramonto. Chi lo ama solitamente è una persona positiva, entusiasta, capace di godere di tutte le cose della vita. E’ anche considerato il colore dell’amicizia. Nella scala che misura la temperatura, rientra sicuramente tra i toni caldi, in quanto composto da giallo e rosso, ma esso può anche essere un arancio saturo, intenso, brillante, oppure più tenue, satinato, composto, variando tra mille sfumature diverse.

Una credenza popolare dice erroneamente che “l’arancio sta bene a chi ha i capelli bruni”. Ma non è così. Ciò che si deve valutare è l’insieme dei colori del viso (occhi, pelle, sopracciglia, capelli) e, a quel punto, poter stabilire se un tono è giusto o
sbagliato. 

Una bruna alla Jennifer Lopez, per intendersi, sarà senza dubbio favolosa in arancio, ma una bruna alla Pelelope Cruz lo sarà molto, ma molto, meno. Questo perché ciò che le contraddistingue è il sottotono del loro incarnato, caldo, ambrato, da un lato, e freddo, olivastro dall’altro.

Ecco. Adesso pensiamo a quel vestito, a quel rossetto, a quel foulard, a quella cravatta arancione che abbiamo comprato tempo fa e che per qualche motivo non siamo mai riusciti a mettere… iniziamo a capire perché?
C’è tutto un mondo di colori da scoprire… e lo faremo insieme!